10/25/2010

Sano Sicuro Consensuale (parte 1)

cuore_nella_neve_1b

Iniziamo a fare sul serio, iniziamo a mettere il primo mattoncino di quella che è la prima vera motivazione di questo blog, parlare di Bdsm.
Questa serie di articoli si divideranno in tre parti per non rendere il tutto troppo pesante e poter approfondire con calma e con minuzia.

La suddivisione è: (Sano) (Sicuro) (Consensuale)

Intriga uomini e donne, di tutte le età, qualsiasi ceto sociale, spesso però relegato ad un mondo nuvoloso, dai confini incerti, visto come estremo, assurdo, a volte malato modo di vedere la sessualità, il rapporto di coppia.

 Cercherò di sfatare alcuni miti o errori che solitamente compiono chi non si è mai affacciato a questo mondo.

Molti prima di me hanno delineato determinati confini, per differenziare la violenza dal ruolo di Dominazione & Sottomissione (per ora utilizzerò i link di wikipedia, poi mano a mano modificherò con miei post più approfonditi) e con l’esperienza posso dire che i principi base, le tre regole, sono lo strumento migliore per iniziare senza conseguenze.




cosa si intende per Sano?

Come per i grandi principi, la libertà, l’uguaglianza, etc. etc…Anche questo deve essere visto applicato nella realtà, altrimenti resta privo di significato.
Presupposti:

1)- La capacità di giudizio delle parti (Dominazione & Sottomissione) non deve essere offuscata da alcuna sostanza che altera la percezione.

2)- La capacità di giudizio non deve essere offuscata da malattie mentali o sofferenze psicologiche.

La motivazione è alquanto ovvia, nel caso non si posseggano a pieno due di questi requisiti non sempre ci si rende conto del dolore che si può causare o che si riesce a sopportare al momento, bisogna essere presenti e vigili, sempre, per cui dimenticatevi:”vino, superalcolici, cannabis, cocaina…” e sostanze simili durante una sessione Bdsm.

3)- Non usate il Bdsm come mezzo per sfogare le vostre frustrazioni.

Anche la rabbia se si perde il controllo può portare ad una cattiva valutazione della situazione, inflessibili sì, autoritari sì, esigenti nel rispetto dei limiti altrui sì, ma mai rabbiosi.Questo vale anche per chi subisce, usando il Bdsm come mezzo per espiare o per raggiungere obiettivi terzi che non c’entrano con il “gioco” può portare ad una sottovalutazione del danno fisico.

4)- Il Master/La Mistress(parte dominante) ha una maggiore responsabilità essendo parte attiva.

Quando si impugna uno strumento o si usano parti del proprio corpo per umiliare o provocare dolore bisogna prestare attenzione ai minimi cambiamenti del partner, non solo di quello che vi dice, ma  cambiamenti di atteggiamento del corpo, degli occhi, nella postura del corpo; potrebbe non essere in grado di comunicare il proprio disagio(come ad esempio nel caso in cui si fosse imbavagliati) dovete essere vigili su ogni cambiamento.

5)- Il/La slave(parte sottomessa) ha il dovere di rendere il più chiaro possibile il proprio disagio.

Navigando nel web o leggendo libri difficilmente ho letto una riga su una questione fondamentale, se è già difficile per la parte dominante percepire la condizione della parte sottomessa, diventa una corsa ad ostacoli se non si rende subito chiara la propria situazione nel momento in cui si sta subendo.Le motivazioni sono tante, per compiacere al massimo il partner, per timore della reazione altri, per non deludere l’altro.Qualsiasi motivazione è sbagliata, chiari/re, precisi/se, immediati/te.

6)- Sinceri

Se non avete mai praticato alcune tecniche, utilizzato o provato determinati strumenti  non vi improvvisate, chiedete al partner, se ha maggiore esperienza, documentatevi, studiate attentamente, cercate qualcuno che possa mostrarvi l’uso.La sincerità è il perno di tutto il rapporto.Ad esempio, non avete mai usato o provato il tacco rinforzato che vi calpesta? Non improvvisate, ammettete che per voi è una nuova esperienza. Non avrete alcuna sgradita sorpresa nell'essere sinceri.

7)- Determinate pratiche richiedono accorgimenti specifici perché si resti nell'alveo della sanità, anche particolari oggetti che dovete sempre avere a portata di mano e funzionanti per limitare danni. 

Prendete ad esempio alcuni accorgimenti quando si usa la cera o le forbici arrotondate da giardino per tagliare le corde usate per il bondage.


Spero di esservi stato d’aiuto.

Se volete aiutarmi a creare un portale dove potete inserire annunci, creare incontri, parlare, confrontarci, potete farlo QUI


Nessun commento:

Posta un commento

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.