1/10/2011

Seno

lesbo09
Il problema della sessualità secondo il mio parere è che tendiamo a ridurre tutto in preferenze, gusti, inclinazioni.

Distinguersi sembra essere l’unico modo per esprimere un desiderio, portando a divisioni che poi sono la radice della diversificazione e a volte della ghettizzazione.

Se così non fosse si potrebbe vivere tranquillamente la propria sessualità secondo il momento o la voglia di sperimentare senza doversi necessariamente sentire “qualcosa”, ma essere se stessi sempre.

Mettiamo che una ragazza o donna provasse piacere nel leccare, manipolare, mordere e giocare con un altro seno dello stesso sesso, non approfondendo il rapporto ad altre zone erogene, bisogna proprio che si distingua per trovare una propria collocazione?
Per le amanti del seno femminile e soltanto di quello sembrerebbe proprio di sì, tanto è vero che sembra affacciarsi sul complesso mondo delle definizioni una nuova preferenza, la Boobs-Only, le amanti esclusive del seno, che non amano stimolare altre zone erogene se non quelle mammarie.

Come tracciare una linea con il gesso per potersi distinguere.

10 commenti:

  1. mi pare che abbia già detto tutto tu, bel cavaliere: c'è questa necessità di definirsi, schierarsi, differenziarsi... forse nascondersi?

    RispondiElimina
  2. Sei tornata! ^_^ Non riuscivo ad entrare nel tuo blog, adesso non lo trovo proprio che è successo?

    Spero mi risponderai.

    RispondiElimina
  3. ci sono, ma non sono tornata :-)
    non so che farmene del blog... time-out

    RispondiElimina
  4. ^_^ fa piacere che sei tornata, restiamo in contatto.

    RispondiElimina
  5. Oggi purtroppo è così, non solo nel sesso ma in ogni cosa. Certo nel sesso si sente più forte perchè è materia difficile da affrontare e mette in campo molte paure... oggi si tende a catalogare un po tutto forse nel fallace scopo di riuscire ad accettare se stessi. Come dire... sono uomo e ogni tanto mi piace inculare qualche altro uomo? No no non posso dire che mi piacciono gli uomini, la società mi metterebbe in un angolo, diciamo che sono "bisex" che è più "fashion". Ci si chiude in strette definizioni allo scopo di proteggersi ma alla base sta una non accettazione di se. Sarebbe meglio vivere la sessualità come la si sente senza farsi troppi pensieri.

    RispondiElimina
  6. No no non posso dire che mi piacciono gli uomini, la società mi metterebbe in un angolo, diciamo che sono "bisex" che è più "fashion". Ci si chiude in strette definizioni allo scopo di proteggersi ma alla base sta una non accettazione di se. Sarebbe meglio vivere la sessualità come la si sente senza farsi troppi pensieri....

    Quando trovi qualcuno che si esprime meglio di te direi di dargli spazio, veramente bravo Baci Rubati.

    RispondiElimina
  7. aaaaaaaaaaaaaaaaah Baci Segreti, perdonami!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Perdonato, in fondo Baci Rubati era un mio vecchio nick usato in qualche chat anni fa...

    RispondiElimina
  9. BaciSegreti ha espresso esattamente ciò che volevo scrivere io.
    L'essere umano tende a catalogare un po' tutto in quanto, a mio parere, la catalogazione crea un certo ordine e l'ordine è rassicurante. Ciò che è catalogato ed ordinato è più facilmente controllabile.
    Spesso però certe catalogazioni sono, ahimè, molto spesso discriminatorie.

    RispondiElimina
  10. Uomo all'angolo@ concordo con quanto dici però se il catalogare rientra in un gioco di ruoli sessuale non può fare che bene, quello che mi prude è il catalogare tanto per distinguere, come hai bene espresso.

    RispondiElimina

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.