3/15/2012

Unione coppie gay, la cassazione e i cretini commedia in tre atti


L’avrete sicuramente anche altrove la notizia che la corte di cassazione ha decretato con la sentenza  n. 4184 ha riconosciuto che il matrimonio gay non è possibile, come non è possibile riconoscere i matrimoni contratti all’estero.

Questo è in linea con il pensiero clerical/politico, però riconosce il diritto al avere una vita famigliare legittimata dagli stessi diritti e doveri previsti dalla giurisprudenza.

Come siamo arrivati a tale risultato? La storia la dovreste conoscere, una coppia sposata all’estero vuole vedere riconosciuta la loro unione anche per il comune di Latina, vanno in causa e grazie alla Convenzione Europea si riconosce il trattamento omogeneo di coppia sorvolando sulla sessualità.

Cosa succede da adesso in poi, praticamente si è chiesto al parlamento italiano di ratificare questa parte della Convenzione, cosa che l’Italia DEVE fare (guarda un poco perché ce lo chiede l’Europa) tutti i bigotti che si difendono dietro la Costituzione:”Non è previsto dalla nostra Costituzione” devono ricordare che la stessa prevede che i patti internazionali ratificati superano la stessa. Per cui ciccia! Altra scusa in meno per i bacchettoni.

Altra cosa da ricordare è che la Cassazione non emette sentenze con forza di legge, ma esprime ina lettura delle stessa che fa scuola, ovvero, non è detto che i giudici debbano seguirla per forza, ma si tenderà a leggere un tipo di leggi sotto la stessa ottica.
Altro punto a favore.

Ed ecco alcuni lettori di giornali “filo destroidi” che si sperticano come se un diritto fosse un bene limitato, o allargare ad altri determinati diritti, come assistere il/la proprio/ria compagno/gna che si trova in ospedale, reversibilità della pensione, passaggio dei contratti affittuari alla morte di uno dei due soggetti, togliesse poi qualcosa agli etero.
Ecco alcune perle:
IL GIONALE
#61 serjoe (1026) – lettore
La prossima trovata dei parrucconi: introdurre la bigamia,ossia matrimonio misto etero e omosessuale consacrato dall'amore tra il maschio e le diverse mogli e la stima e l'affetto che queste nutrono tra di loro. Un'amore alla ennesima potenza a cui non ci si puo' sottrarre e che la legge deve sostenere..(all’amore poligamo sono concorde).
 
#56 voce nel deserto (12254) – lettore
Il riconoscimento del matrimonio gay sarebbe una catastrofe civile e sociale.Non possiamo essere indifferenti alla introduzione nel nostro ordinamento di una equiparazione tra situazioni oggettivamente molto diverse fra loro ed alla istituzionalizzazione di un illecito morale che contraddice la legge morale. Sulla tomba di Immanel Knt c'è scritto: ""Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me"",sintesi formale del suo pensiero[E la legge morale va messa al di sopra della stessa legge fondamentale di Kelsen) I giudici sono la voce della legge,proclamano il diritto. Ma i giudici non sono la voce della morale,sono incompetenti a proclamare la morale.E' la morale che dice se una legge o una sentenza sia giusta o ingiusta anche se valide ed efficaci. Le leggi razziali erano valide ed efficaci ma moralmente ingiuste, inique, criminali.Stesso giudizio è lecito e doveroso in materia di istituzionalizzazione del matrimonio fra gente dello stesso sesso.(legge morale di chi?Non ne esiste una sola, altrimenti non ci sarebbero diverse idiologie…)

#55 duxducis (382) - lettore
Pensione di reversibilita' addio. Tutte quelle donne che sono rimaste vedove e magari hanno figli si vedranno discriminate perche' due omoni che si sodomizzano vogliono autoproclamarsi sposati e guadagnare dei diritti che non gli spettano, come la pensione di reversibililita'. Allo Stato questo va bene, perche' da qui ad un anno dichiarera' che costano troppo e le cancellera'. Per quello che mi riguarda questo Stato prima fallisce e si toglie di mezzo, meglio e'. Uno Stato cosi' fatto fa solo perdere tempo e denaro ai cittadini seri che vogliono produrre un futuro roseo per se e per le nuove generazioni. L'unica arma in mano alle famiglie e' di smettere di finanziare lo Stato Italiano e tutti gli Stati che continuano a inventarsi simili deficienze. Chiamate il vostro fondo pensione e fate spostare i vostri investimenti in paesi dove la famiglia e' quella vera.(la pensione di reversibilità altro non è che ricevere parte della pensione del compagno o compagna che muore per mantenere lo stesso tenore di vita, che l’INPS già paga in vita, perché dovrebbe togliere qualcosa alle vedove e ai figli?)

LIBERO
Che stress queste storie dei gay.E vogliono questo ,vogliono quello....ma chi li tocca ,ma facciano la loro vita e non rompano i marroni. Sono ovunque ,hanno lottizzato il mondo, sono una potenza socio -economica,hanno ottenuto tutto e sempre vittimismo. Ma basta ,siete voi che vi rendete antipatici.E nevrotici. Volete avere la stessa vita degli etero?Ma chi ve lo vieta! Ma non stressate perche ' abbiamo problemi piu'seri delle vostre minchiate.(Vai a dirlo alle coppie che ancora oggi vengono picchiate, poi, lasciarli stare significa non dargli diritti?)

PONTIFEX
Purtroppo la lobby gay ha dalla sua l'Unione Europea che ha già manifestato l'ordine perentorio di far recepire le nozze tra persone dello stesso sesso agli stati...
E di fronte alla dittatura UE tutti sembrano imbambolati.
Il terzo atto lo aspettiamo, aspettiamo che tutto finisca bene.

Nessun commento:

Posta un commento

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.