5/17/2012

puttane a lavoro

puttana

 

Prendo la questione da lontano, cosa si nota nel mio blog? Che cerco di far capire che quello che faccio è bello, soddisfacente, pericoloso. Non l’ho mai nascosto e ho parlato anche delle conseguenze estreme, di scelte malate portate aventi da persone malate, oppure della violenza sessuale, cerco sempre di essere equilibrato, cerco di informare quel tanto per far capire che le nostre pratiche sessuali a volte lasciano il segno.

Mi sentirei irresponsabile, non mi sembrerebbe di fare un buon lavoro, non sarei la persona che ammiro tanto.

Unite questo aspetto alla mia ammissione che a volte è capitato di fruire di prestazioni sessuali a pagamento, in contesti eleganti, dove sicuramente non badavo al prezzo ma alla qualità, che trovo elegante chiamare Escort, non c’è nulla di offensivo nel loro lavoro, non vedo il motivo per esserlo io.

Vedere qualcuno che diffonde l’idea che prostituirsi, perché quello è, non porta MAI alcuna controindicazione, che è un mezzo privilegiato per superare facilmente ostacoli economici, per “vendicarsi” di un’esistenza insopportabile di un uomo che ti costringe ad una cornucopia di relazioni a cui ti pieghi per amore, perché sei troppo vecchia per continuare a fare la modella ma sei ancora giovane per spalancarci le gambe e guadagnare, senza mettere neppure una riga sul fatto che non è il Paese dei Balocchi, lo trovo urtante.

Perché non puoi sapere CHI ti leggerà, magari una persona indecisa, magari inconsapevole dei rischi o delle sofferenze che POTREBBERO esserci, forse addirittura ingenua.

Una cosa che mi piaceva della vecchia televisione statale era la regola sottointesa che si entrava nelle case degli italiani, che ci si doveva entrare con cautela, adesso abbiamo il mondo che potrebbe leggerci.

Allora il farsi forte del fatto che non sei tu sola ad aver aperto le gambe per guadagnare denaro è un rischio, che aumenta con il fatto che nel campo delle imprenditrici di se stesse sei una delle prime ad averne parlato, oltre che una delle più seguite.  Anche fosse una sola persona a leggerti in un certo qual modo sei responsabile di quello che dici.

Parliamo del mestiere più antico del mondo, non ti preoccupare, non hai bisogno di rincuorarti per esserne uscita, cara CHIARA DI NOTTE(se cliccate leggete l’articolo incriminato).

L’autrice potrebbe rispondermi che in altri post, sui giornali lo ha fatto, che è solo un articolo, che se volessero approfondirebbero…Non tutti però lo fanno, leggono una cosa e si fermano lì, non è detto che sfoglino riviste semi-patinate dove il giornalista ti intervista per suscitare nel/la lettore/trice quel senso di pruderì e di curiosità morbosa del proibito, o del vorrei ma non ho il coraggio.Perché a questo servono certi articoli, solo a questo.

Mettere un link su quanto di altro scritto non è un reato, inserire un P.S. : Non è un lavoro per tutte, attenzione, non sminuisce, è solo responsabilità.

Chiariamo, per me potete TUTTE darla via a pagamento, non sono bacchettone, basta non essere incoscienti.

Prendete questo articolo come quel P.S. che l’autrice per insostenibile leggerezza(non aggiungo quello che realmente penso perché sono signore) ha omesso.

32 commenti:

  1. Eccomi.

    Ho letto il tuo post e quello di chiara.
    Credo che Chiara abbia sempre detto in altri suoi post che non era un lavoro per tutte. Non capisco perchè te la sei presa.

    Per conto mio posso dirti che ricevo mail che mi chiedono come si fa a fare questo lavoro. Beh non ho mai "spiegato" niente a nessuna.
    Certe volte, anzi ultimamante me lo sotto fatto lo scrupolo e cioè quello che altre ragazze avrebbero potuto magari pensare leggendo il mio blog.

    Io non ho mai detto: "fate bene a prostituirvi che aspettate".
    Il mio blog è un diario, anche se a volte magari mi rendo conto di aver fatto quasi un'apologia sulla prostituzione.

    Chi segue il mio blog sa bene tutti i pro e i contri che ho sempre descritto, che vivevo e vivo in primis sulla mia pelle.

    E poi diciamoci la verità un blog dove si parla sempre di puttane dopo un po' annoia... la vita è fatta anche di altro. Si può parlare di un miliardo di cose. Bisogna saper alternare.

    PS. NON PROSTITUITEVI! SE PROPRIO DEVETE NON MI ASSUMO RESPONSABILITA'. ME NE LAVO LE MANI COME PONZIO PILATO! ;)

    RispondiElimina
  2. Bella@ cit. "Credo che Chiara abbia sempre detto in altri suoi post che non era un lavoro per tutte".

    E' proprio questo che contesto, che magari lo fa in altri post, che ci sia il manifesto del quanto sia bello e basta.

    Ribadisco, ci sono persone che potrebbero leggere solo quel post, ed essendo una posizione delicata e "conosciuta" non deve MAI derogare ai propri doveri.

    Lo dici responsabilmente tu stessa:"Chi segue il mio blog sa bene tutti i pro e i contri che ho sempre descritto, che vivevo e vivo in primis sulla mia pelle."

    Questo è responsabile.

    RispondiElimina
  3. Anch'io lo trovo urtante... perchè fa apparire tutto facile, come se fosse una fatalità. Facendone quasi l'apologia.
    Mi piacerebbe essere lì quando da sola e dopo essersi lavata del sudore e degli umori di un'uomo appena conosciuto si guarda allo specchio. Vorrei sapere cosa prova in quel momento esatto. Che sapore hanno quei soldi che si è appena guadagnata.
    Questa è l'altra faccia della medaglia...
    Che lo si faccia per scelta o no.

    RispondiElimina
  4. Ma perchè credi che lei potrebbe indurre in qualche modo a prostituirsi? Boh... a me non sembra....
    Cioè non è che lei scrive sempre che è bello fare la puttana.
    Dice che a lei piace scopare quindi è una passeggiata questo lavoro.
    Tutto qui.
    Se prendi dei miei post singoli sembra che questo lavoro sia bello in altri sembra sia brutto... ma io non faccio testo sono così volubile...

    Il problema è che non capisco cosa ti ha dato fastidio del suo post. Sarà che oggi sono io troppo intontita....
    Mi sembra che abbia riassunto i motivi per cui una decide di fare sesso a pagamento.

    Secondo me questo lavoro NON è un lavoro normale come tutti gli altri, è vissuto in maniera diversa da ognuna di noi.
    Ovvio che bisogna fare attenzione a quel che si scrive, non vorrei mai che mia sorella leggesse e capisce fischi per fiasci e me la ritrovo in maggiore età su qualche sito per escort!

    RispondiElimina
  5. @NOIR
    "Vorrei sapere cosa prova in quel momento"
    vedi anche quello è soggettivo. magari a me non è fregato nulla alcune volte perchè il pensiero dei soldi appena guadagnati era più importante.
    vedi questo lavoro da molta a drenalina èer certi versi... in alcune circostanze.

    Il fatto è che non siete puttane e non potrete mai capire fino in fondo tutti i meccanismi che si innascano nei nostri cervelli. Positivi e nagativi.

    RispondiElimina
  6. @ BellaDiGiorno
    Hai sicuramente ragione.
    Parlo senza conoscere, ma la mia non è una critica è solo qualcosa che non capisco perchè non fa parte di me ne dei miei meccanismi, come tu non capiresti sicuramente l'adrenalina che ho io quando mi ritrovo legata e in ginocchio davanti al mio complice...o nell'attesa di essere sculacciata.
    Quello che non mi piace è questo lato di descrivere il tutto bello, tutto "paillettes" che luccicano.
    Senza far riferimento anche al lato buio e maleodorante del vicolo cieco.
    Un sorriso

    RispondiElimina
  7. Noir Velour@ credo che ci si "desenzibilizzi" a certi aspetti, come restano vivi altri. Come detto da Bella cambia da persona a persona. Certo che sono molto poche le professioniste di lungo corso che non abbiano problemi di "stima" verso gli uomini in generale, ma magari è solo una mia impressione.

    Bella@ Non sto dicendo che promuova la prostituzione apertamente, sto dicendo che la scarsa obiettività o la leggerezza in certi campi potrebbe essere dannosa, perché appunto NON sai come interpreterà quello che scrivi quando qualcuno lo legge.

    Per questo è responsabile chiarire.

    Come se facessi un post che parte con: "frustatevi così senza timor", è vero? NO è sano? NO posso sapere come verrà letto? NO allora o evito, o specifico bene che non è roba per tutti.

    Noioso? Sicuramente...Però è responsabile, altrimenti chiuderei baracca.

    Parlando fuori di me non mi hai mai dato l'impressione Bella di tesserne solo le lodi, anzi spesso fai il contrario, potrebbe anche essermi sfuggito e questa volta sono stato più attento, vai a sapere...

    Comunque stringendo alla fine diciamo la stessa cosa:"Ovvio che bisogna fare attenzione a quel che si scrive, non vorrei mai che mia sorella leggesse e capisce fischi per fiasci e me la ritrovo in maggiore età su qualche sito per escort!".

    Sarà che oggi mi girano e ci sono andato pesante?

    RispondiElimina
  8. Noir Velour@ E' VENUTO FUORI!!!

    Sei una di noi!!!!!

    U_U Noi della stirpe di De Sade che amiamo "insalamare" e percuotere natiche!!!Che usiamo inginocchiatoi con la stessa motivazione del bagno, a bisogno!!

    Ok ci sto prendendo un poco in giro perché ogni tanto fa bene non prendersi sul serio. :-P

    Spero capirai.

    Ti dirò venendo sul tuo blog mi è venuto il vago sospetto che amassi lo spanking, ma VAGO!!! ^_*

    RispondiElimina
  9. P.S. per Bella@

    Cit. "Il fatto è che non siete puttane"...Mi sono appena ricontrollato nelle mutande, sono uomo. Al massimo puttano... :D

    Un bacio Bella

    Hahahahaahahahaha

    RispondiElimina
  10. Ahaha! :D
    massssi! non prendiamoci troppo sul serio... ;)

    RispondiElimina
  11. Sinceramente, non capisco chi avrei insultato o come. Comunque procedo per ordine:

    E' proprio questo che contesto, che magari lo fa in altri post, che ci sia il manifesto del quanto sia bello e basta.

    Contesti cosa?
    Che abbia sempre detto in altri post che non e' un lavoro per tutte? Oppure che non lo abbia detto?
    Quando scrivo un post, devo preoccuparmi di segnalare con le postille dove andare a leggere per non essere fraintesa, o sono libera di esprimermi come voglio, e se poi qualcuno non ha letto i miei 2000 post e 25.000 commenti passati, e' affar suo?
    comunque vedo che e' necessario chiarire:

    - Il mestiere di prostituta non e' adatto a tutte le donne. Chi soffre di problemi ai polmoni, ha salute cagionevole e gli fa schifo la polvere, non puo' pretendere di andare a lavorare in miniera, e chi soffre di vertigini e' inutile che si ostini a voler fare il trapezista.
    Come ogni professione ci si deve essere portate, anche psicologicamente oltre che fisicamente, e chi non ne ha i requisiti - fisici, psicologici ed anche MORALI - e' meglio che lasci perdere e faccia altro.
    - Non ho mai detto che chi fa la puttana e' una donna superiore alle altre, come non direi mai che un uomo che fa il trapezista e' superiore agli altri uomini. Ho solo detto che ciascuna DEVE poter scegliere cio' che le aggrada, senza essere GIUDICATA per un mestiere che non fa del male a nessuno (chi fa il soldato, secondo me dovrebbe avere piu' problemi morali, e anche chi sceglie di fare il politico ladro).
    - Non ho mai invitato nessuna ragazza a fare la prostituta, non ho fatto apologia della professione, e a chi mi scrive per avere informazioni per iniziare (e sono tante) non rispondo oppure consiglio di pensarci bene prima di iniziare perche' non e' tutto oro quello che luccica.
    - Ho solo voluto evidenziare una SEPARAZIONE netta fra chi lo fa consenziemente e chi e' costretta (dalla malavita, ma a volte anche dai genitori o dal proprio compagno) a farlo. Chi si scandalizza per il fatto che ci siano genitori cosi' bestie, non conosce certe realta' che conosco io, e che naturalmente non fanno parte dell'Italia, ma purtroppo in quelle io talvolta mi muovo.
    Chi lo fa consenziemente si chiama prostituta, puttana, zoccola, meretrice, escort. Date il nome che preferite. Non mi offendo. Chi non lo fa consenzientemente ha un solo nome: SCHIAVA. Le prostitute non devono essere giudicate, ne' aiutate, ne' ostracizzate, ne' penalizzate in alcun modo. Tanto meno da gente che probabilmente ha piu' scheletri nell'armadio di quanti ne abbiano loro. Mentre le SCHIAVE devono solo essere salvate. Punto.

    Questo ho sempre detto nei miei 2.000 post e 25.000 commenti precedenti. Chi non ci crede, vada a leggerseli. Tutto il resto e' fuffa e non mi riguarda. Come non mi riguarda con chi la gente scopa e perche'. Se lo fa per soldi, per avere un lavoro oppure per sposarsi. A me non frega una cippa. Per quanto riguarda invece me, sostengo che "il mio corpo e' mio, e me lo gestisco io". Questo motto femminista per me e' sempre valido, e se gestirmelo vuol dire metterlo a frutto come fanno le attrici, ma anche modelle, le indossatrici o chiunque ricava dalla propria bellezza denaro, questa e' una cosa che riguarda solo la sottoscritta e nessun altro.
    Spero di essere stata esaustiva.
    Chi vuol continuare la discussione, puo' venire nel mio blog.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  12. Non ho letto il post che dici...io posso solo dire che in questo mondo di escort c'e' tanta gente che si sciacqua la bocca senza sapere molte cose.
    Io dichiaro che lo faccio per necessita' e sono stata tacciata di essere una che ha sbagliato mestiere...perche' ho sollevato il velo su tanta ipocrisia che vige in questo mondo di prostitute ( o ex tali) che pero' vogliono atteggiarsi a "gran signore" del sesso.
    Ho dato fatidio...e ne daro' ancora probabilmente...
    Come ho gia' detto, ciasuna vive questa esperinza come meglio crede...personalmente ho sempre dichiarato la verita': non mi paice farlo ma questop mi aiuta ad arrivare a fine mese, e non credo per questo di dover essere giudicata male. Grazie del passaggio, Y.

    RispondiElimina
  13. Non mi sento di dire niente sul post però penso che la gente, quando parla di quello che non conosce, tacendo farebbe una figura migliore.
    Ciao

    RispondiElimina
  14. Cara Chiara@ punto primo quello che contesto si comprende benissimo da quello che dico, basta UN post per sbagliare, basta UN post per dare l'idea sbagliata che sia tutto frizzi e lazzi, perché non è detto che si leggano altri 3.000 interventi sul contrario.

    Questo mi pare chiaro e lineare per chiunque mi legga, se non lo fosse, spero adesso di essere stato chiaro e incontestabile.

    Punto secondo cit. " senza essere GIUDICATA per un mestiere che non fa del male a nessuno"

    Che non faccia del male a nessuno il tuo mestiere è tutto da dimostrare, se permetti, perché sempre di meretricio parliamo, e ti parlo da "cliente", avere in testa che le nostre azioni non comportino reazioni, non solo è inesatto, ma è anche miope, tu non puoi sapere che effetti in realtà abbiano avuto le tue azioni sui tuoi clienti, qui nessuno è colpevole o innocente, siamo solo ignari.

    Terzo punto, se non vuoi essere giudicata, non aprire un blog, non mettere in piazza quello che pensi, facendolo ti metti in gioco, e non tutti sono lì a lisciarti il pelo.

    Non vuoi essere giudicata? Chiudi immediatamente il blog, perché sarai sempre soggetta a qualcuno che non la pensa come te.

    Oppure come nel mio caso qualcuno che crede che tu sia stata troppo "leggera".

    Punto quarto, purtroppo ci si dimentica spesso che libertà ha il suo contrappeso nella responsabilità, non ho mai negato che tutti sono responsabili dei propri corpi, ma bisogna ricordare che la parola essendo mezzo di diffusione e veicolo di pensieri significa qualcosa in più, che si è fautori del messaggio che si manda, altrimenti se tutti ragionassero come te ognuno potrebbe dire quello che vuole senza conseguenze.

    Ed è incivile.

    RispondiElimina
  15. Spirito Libero@ Grazie a te per essere intervenuta, devo essere sincero mi aspettavo un tuo tagliente commento, che spero chiarisca molte cose a chi dovesse leggere.

    ** Sara **@ Lo prendo come un consiglio per me e per Chiara, con la sola differenza che io lo leggo.

    RispondiElimina
  16. ** Sara ** Scusa se insisto, però ti vorrei far presente che io lo conosco, in un modo che tu non potrai mai, da cliente, come tu per me.

    Altra cosa, io sto criticando non il lavoro o la persona, che non giudico, contesto fortemente il modo in cui viene rappresentato.

    RispondiElimina
  17. Mi spiace Cavaliere di non aver molto da dire...ho detto molto sul mio blog comunque....
    Credo che ci sia tanta ipocrisia sia tra chi giudica le escort senza sapere, e le escort stesse che a volte credono di sapere tutto loro.
    Io mi considero una escort anomala, nel senso che non mi diverto a farlo, con questo non dico che chi lo fa allegramente sia una poco di buono...semplicemnte, sono modi diversi di vivere la cosa. A me, ad esempio, non piace fingere. Si dice che la brava escort dsebba saperlo fare. Non so, a me di fingere non va, ma e' evidente che a molte quasta capacita' porta in tasca tanti soldi. Buon per loro.
    Mi dicono anche che se non mi paice dovrei fare a meno di farlo...ma senza sapere i miei veri problemi. Io lo faccio lo stesso, a modo mio, e non mi sento schiava di nessuno.
    Ho notato ben poca solidarieta' tra donne. Alcune addirittura difendono i clienti...che solitamente sono persone di scarsissimo spessore umano, a parte qualche rara eccezione.
    Non so...si parla tanto e anche troppo secondo me...e' un argomento he non meriterebbe cosi' tanta attenzione...ciao...

    RispondiElimina
  18. Spirito Libero@ Sei indubbiamente molto diretta, il che devo dirti incontra i miei favori.
    Volevo un punto di vista diverso, ovviamente lo sei, ed invito tutti coloro che capiteranno su questo post di leggerti.
    Che tu veda i clienti o potenziali tali come persone dallo scarso spessore umano non mi sorprende, come ho già detto: "che sono molto poche le professioniste di lungo corso che non abbiano problemi di "stima" verso gli uomini in generale, ma magari è solo una mia impressione".

    Conosco il mondo del meretricio economicamente soddisfacente, devo essere sincero, mi sono un poco rotto gli attributi che si mistifichi un lavoro non facile, anche se sono convinto che NON ci sia dolo o premeditazione da parte di CHIARA, solo "leggerezza".

    Se dovessi sbagliare, come ho già fatto in precedenza, sulla violenza di genere, sono pronto a scusarmi e tornare sui miei passi.

    RispondiElimina
  19. Cavaliere, prima di tutto ho risposto un po anche da me (anche perchè ho smesso di vivere di questo anni fa e mi piacerebbe che non venisse detto il contrario..).
    Non mi riferivo a te nel mio commento ma a questo commento che mi ha fatto una gran pena:
    "Mi piacerebbe essere lì quando da sola e dopo essersi lavata del sudore e degli umori di un'uomo appena conosciuto si guarda allo specchio. Vorrei sapere cosa prova in quel momento esatto. Che sapore hanno quei soldi che si è appena guadagnata."

    Le piacerebbe essere lì? Perchè? Perchè nel caso che nello specchio ci fosse umiliazione lei vorrebbe vederla? Non ho parole!

    Anche tu pubblicando commenti così ti prendi la responsabilità di quanto appare sul tuo blog. E' bene saperlo. Perchè quel commento è disumano.

    Il giudizio tipico di chi parla senza sapere ma le parole hanno peso ovunque, anche qui. E a me non piacerebbe mai vedere la sofferenza o l'umiliazione di qualcuno. Sono lalibita.

    Tu puoi dire la tua avendo frequentato le escort senza dubbio. Io però dissento sul fatto che dici che non è vero che una escort non fa del male a nessuno. Loro pagano, facciamo sesso. Ipotizzare un meltrattamento mi pare fuori luogo. Io so come trattavo i clienti e qui mi riferisco alla tua risposta a KIara. Di questo non puoi parlare, puoi parlare di eventuali danni avuti dalle tue frequentazioni. Non di chi scrive qui.

    E rispondo anche al commento della escort qui sopra che mi ha pesantemente offesa solo per alcuni dubbi espressi. Lei dice: "Alcune addirittura difendono i clienti...che solitamente sono persone di scarsissimo spessore umano, a parte qualche rara eccezione." Il livello probabilmente è molto basso allora. Non avevo capito. I miei clienti erano persone perbene tranne rarissimi casi. Gentili, garbati e rispettosi. Li difendo in quanto tali e li difendo perchè ho mangiato anche grazie a loro quando facevo quel lavoro e il mio lavoro principale non bastava. Se ad altre capita differentemente mi dispiace ma credo che la frustrazione spesso porti a non rendersi conto di cosa si dice.
    E tu Cavaliere ricordati che non vedi chi è dietro al pc e io che ho fatto quel lavoro riconosco le blogger che lo fanno davvero e quelle che inventano tutto. Però non te lo dirò. Lo scoprirai da solo. Ciao

    RispondiElimina
  20. Rispondo qui per l'ultima volta. Non e' mio stile creare polemica e pollaio in altri blog. Al massimo rispondo 2-3 volte, poi basta. Quindi se vuoi discutere, puoi venire a farlo nel mio blog invece di "spammare" il tuo invitando le persone a venirci a dare un'occhiata.
    Quello che stai facendo tu, non e' corretto, e chi ha esperienza di web, gia' si e' fatto un'idea dello scopo che hanno i flame che tenti di ingenerare.
    Comunque parto dalla fine:


    Ed è incivile.


    Questa e' la tua opinione. La mia e' diversa. Forse posso essere incivile, ma questo tuo giudizio tagliente dovresti darlo dopo aver letto tutto cio' che ho scritto da 10 anni a questa parte. Altrimenti non sono io incivile, ma sei tu che non conosci le cose.
    Scommetto, fra l'altro, che neppure hai capito il senso vero del mio post, ma nella tua presunzione credi di aver capito tutto di me. O forse pensi di essere l'unico ad essere corretto, onesto ed eticamente ineccepibile, mentre gli altri, poverini, non hanno la tua "forza morale". Sono incivili, of course. :-)

    Non vuoi essere giudicata? Chiudi immediatamente il blog, perché sarai sempre soggetta a qualcuno che non la pensa come te.

    Ma guarda... e' la stessa cosa che ho appena scritto a Spirito Libero. In effetti hai ragione: chi non vuol essere giudicato/a farebbe bene a non esporsi. Anche tu, pero', dovresti farlo e spero non te la prenderai per cio' che sto per dirti.
    Vedi... il mio discorso era leggermente diverso. Non molto diverso, ma quel tanto che basta per distinguere chi le cose le capisce al volo e chi, invece, fa di tutto per non capirle. Oppure non le SA capire.
    Io ho scritto che LE PROSTITUTE non vanno giudicate, ne' aiutate, ne' ostracizzate", perche' fanno il loro lavoro senza chiedere niente as nessuno, non prendono finanziamenti pubblici, non hanno sgravi fiscali, non avranno neppure una pensione e quelle oneste pagano persino le tasse... Io ho parlato quindi di prostitute e non di BLOGGER o di persone che amano esporsi nel web.
    Tu forse confondi i termini, e forse pensi che io sia un'escort, quando invece non lo sono. Lo sono stata, molto tempo fa, e cio' che racconto e' soltanto frutto della mia esperienza che non e' solo quella passata di escort, ma anche e soprattutto quella accumulata dopo. Quella presente.

    Che non faccia del male a nessuno il tuo mestiere è tutto da dimostrare

    E questa e' l'ultima (perdonami) stoltezza che riporto del tuo commento. Roba da far imbufalire le persone savie e da far rigirare Cesare Beccaria nella tomba.
    Che significa "e' tutto da dimostrare che io non faccia del male?"
    Ti rendi conto di cio' che hai scritto o ti sfugge?
    E' come se ti dicessi: "e' tutto da dimostrare che tu non sia un pedofilo, o un ladro."
    Carino, vero?
    Questo si chiama "inversione della prova". Non sta a chi accusa provare la veridicita' delle sue accuse, ma sta a chi le riceve dimostrare il contrario. Roba che butta nella monnezza tutta quanta la "civilta" a cui tu asserivi e che ti stava tanto a cuore. Roba che solo nel medio evo era cosi'.
    DIMOSTRALO TU, invece, che ho fatto del male a qualcuno. Perche' altrimenti, se questo e' il tuo modo di ragionare, tutti a questo punto mi devono dimostrare che non hanno mai fatto del male a qualcuno. Persino tu.
    E ora ti saluto. Buona serata.

    RispondiElimina
  21. @Sara
    Interpreti quello che dico, come ti fa comodo non per quello che è. Non ho mai espresso nessun disprezzo per le Donne che fanno questo mestiere e non mi piace che mi si dipinga sotto questo aspetto. Vorrei soltanto esserci per vedere che cosa si legge veramente nel suo viso, a parte la facciata (e non per curiosità morbosa), soddisfazione di aver guadagnato dei soldi oppure tristezza ? in questo caso quello che farei sicuramente sarebbe darle una carezza, forse consolarla, e non compiacermi del suo dolore o di vederla avvilita.
    Non credo che ci sia sempre calore umano in una relazione con un cliente. Non provo e non ho mai provato nessun piacere nel vedere le persone soffrire, o trattate ingiustamente. Che cosa ti permette di dirlo ? Non mi conosci affato, ma Contrariamente a molte Donne sostengo la solidarità femminile che spesso ci fa difetto, e che fa difetto anche nel vostro "mondo" qualunque cosa tu possa dire a soggetto.
    Senza rancore.
    @ Cavalier
    Mi dissocio, questa conversazione mi annoia...vedo che siamo sempre prigionieri degli stessi schemi, e delle stesse incomprensioni.
    p.s. credevo che lo avessi capito già da tempo ;-)

    RispondiElimina
  22. ** Sara ** Hai ragione, sono responsabile anche dei commenti, però a differenza di te non ho ritenuto sbagliato il commento, l'ho ritenuto diverso.

    Se capitasse qui qualcuno che dicesse, le tue pratiche sessuali per me sono abominevoli, parlando di me, ne discuterei, se poi proprio insiste lo lascerei perdere, mi ferirebbe ma non lo cancellerei perché non mi piace come la pensa. Uso lo stesso metro di misura per tutti, me compreso.

    Per cui a mio avviso Noir Velour@ ha tutto il diritto di considerarlo come vuole e di esprimerlo.

    Come ho detto a Chiara non tutti la pensano come noi, mi dispiace che ti sia sentita ferita, me ne posso scusare, ma non posso evitare che qualcuno esprima la propria opinione, soprattutto quando non aveva intenzione nè di offendere nè di ferire.

    Da cliente che conosce altri clienti non posso liquidare il tutto con:"loro pagano io presto un servizio", perché se è vero per te, non è detto che lo sia per il cliente.
    Non sto parlando di sopraffazione, ma converrai con me che non esiste solo quella come problema.
    Ci sono clienti che si innamorano?
    Ci sono clienti che dilapidano patrimoni?
    Ci sono clienti che sfogano le loro frustrazioni sulle meretrici?(e questo è un problema anche vostro)
    Ci sono mogli o compagni una volta scoperto il marito che va con le prostitute che li lasciano?

    Se la risposta è sì, anche solo per una delle domande, dire che non fate male, in assoluto, è sbagliato, non sto colpevolizzandovi, sto dicendo che è impossibile che un'azione non abbia conseguenze, spesso buone, a volte cattive.

    Per cui dire che sia una professione che non fa male a nessuno se permetti è inesatto....

    Non conoscendo il contenzioso tra te e Spirito Libero@ per cui vi lasci libere di esprimervi.

    Sono felice che ti trovi bene con il tuo lavoro e con i tuoi clienti, ti ripeto solo questo per essere più chiaro.

    NON sto parlando di COLPEVOLI o INNOCENTI per me al massimo siamo IGNARI.

    Spero che quanto detto non leda le nostre visite tra blogger.

    RispondiElimina
  23. Eh no Noir invece io prendo le parole per quello che sono. E comodo per cosa? Io non ho tornaconti. Anzi, avendo sempre stimato le tue parole mi sono molto meravigliata di leggerle proprio da te che sei sempre come dici di essere, una persona sensibile. Proprio in nome di una solidarietà che ho visto altre volte e che non puoi negare anche tu hai visto nei miei commenti qui, sono rimasta delusa. Possibile che abbia mal interpretato (se è così è mi scuso) ma è possibile che tu ti sia male espressa e credo sia questo il caso. Infatti ti garantisco che quel commento mi è risultato davvero infelice. E' il mio pensiero e anche io lo esprimo senza rancore. Se non intendevi quello, se era una riflessione diversa allora mi scuso. Forse sono stata affrettata. Ciao

    RispondiElimina
  24. Chiara di Notte - Klára@ Basta leggere il mio intervento precedente, non è possibile che un'azione non abbia conseguenze, che a volte possono essere negative o positive.

    Asserire che non fai male a nessuno, è logicamente inesatto, perché non puoi saperlo dal tuo punto di vista, non sapendolo non puoi avallare tue affermazioni con: "non ho mai fatto del male a nessuno", perché come non posso dimostrare che tu LO ABBIA FATTO prova a dimostrarmi CHE TU NON LO ABBIA FATTO.

    Come vedi restiamo sul campo delle ipotesi, che mal si conciliano con i dogmi. Come quello del IO NON FACCIO MALE A NESSUNO.

    Io non sono mai stato irrispettoso, dire che si fa del dibattito da pollaio offende ME e tutti quelli che intervengono, questo cara è offensivo, per cui da adesso ti sarà vietato intervenire.

    Io ho solo risposto perché hai riportato un tuo commento QUI in altro luogo, il tuo blog, se ti fossi astenuta avrei fatto altrettanto.

    Tanto per dare la chiarezza delle opinioni.

    RispondiElimina
  25. "Sono felice che ti trovi bene con il tuo lavoro e con i tuoi clienti, ti ripeto solo questo per essere più chiaro."

    Ho parlato al passato più volte in merito al mestiere e ai clienti e nel mio blog si parla di ricordi. Il fatto che tu ne parli al presente mi fa pensare che non mi leggi così bene come dici.. :-)
    E lo vedo dal fatto che l'hai scritto anche sul mio blog che sono escort e blogger. Io faccio un'altro lavoro e pago le tasse e stasera ci faccio un post perchè in troppi siete confusi a riguardo.

    "Da cliente che conosce altri clienti non posso liquidare il tutto con:"loro pagano io presto un servizio", perché se è vero per te, non è detto che lo sia per il cliente.

    Se è vero per me?? ma hai letto mai il mio blog? mi viene da chiedertelo.. Il modo in cui parlo dei miei ex clienti è netto. E in genere tende molto al positivo. Quindi mi tiro fuori da questo lettura del discorso e ti dico che intendevo altro.. non che loro pagano io presto il servizio ma che è molto più frequente un danno o violenza alla escort/prostituta piuttosco che viceversa. Ipotizzare di far del male ai clienti mi pare follia. Sono sincera.

    "Non sto parlando di sopraffazione, ma converrai con me che non esiste solo quella come problema.Ci sono clienti che si innamorano?
    Ci sono clienti che dilapidano patrimoni?
    Ci sono clienti che sfogano le loro frustrazioni sulle meretrici?(e questo è un problema anche vostro)
    Ci sono mogli o compagni una volta scoperto il marito che va con le prostitute che li lasciano?"

    Se si innamorano li ho allontanati e se non sai andare a puttane non devi andarci. Se spendono tutto il patrimonio lo fa anche un giocatore o uno che sperpera in altro modo non mi è dato saperlo e non posso impedirlo. Sulle frustrazioni mi capitò allora e fa parte del gioco. Se la moglie lo scopre lo lascia perchè è infedele e lo lascerebbe anche se fossi una che ci va gratis. La colpa è dell'infedele. Inizio a pensarla una flame anche io, perdonami.

    Mi scuso solo ancora con Noir.
    SOLO perchè è lei e credo che ho mal interpretatoio. Scusami.

    Qui ci torno perchè scrivi cose che a volte m'interessano però mi ha colpito che tu non avessi neanche capito che io lavoro normalmente. Ciao

    RispondiElimina
  26. ** Sara ** Ti ho letto e lo sai ^_* sinceramente non avevo capito che avessi smesso, qualche post lo salto ma credo che tutti lo facciano con tutti.

    Cit: " Io faccio un'altro lavoro e pago le tasse e stasera ci faccio un post perchè in troppi siete confusi a riguardo."

    Vedi che non sono solo?:-P

    Vengo a leggere che lavoro fai cazzarola.

    Per quanto riguarda i clienti sono stato io che non sono stato chiaro, colpa mia.

    Cerco di farmi capire, le azioni nostre o altrui pur senza premeditazione possono portare alla sofferenza o al dolore, per cui dire che si svolge un attività che non comporterà MAI del male verso qualcuno è impossibile, anche se non lo sapremo mai.

    Nour Velour@ sospettavo.....Non potevo essere sicuro, è pieno di gente strana in giro...Hahahaahaha

    RispondiElimina
  27. @Sara
    Lo ammetto, è stato un commento infelice perchè espresso male, avrei dovuto svilupparlo meglio e raccontare quello che ho detto in seguito. Siamo state affrettate tutte e due, io nell'esprimermi e tu nel giudicarmi. Nessun male...E ancora, nessun rancore
    Anzi un bacio

    @Cavalier
    E' bello non essere certi, lascia uno spiraglio aperto alle sorprese ;-)

    RispondiElimina
  28. vorrei rispondere un po a tutti ma non riesco a fare copia e incolla.

    Posso dire (come sara) che miei clienti non sono animali, molti di loro mi hanno aiutata per davvero. Fortuna? chiamatela un po' come vi pare. E poi non sputo nel piatto dove mangio.

    Per "fingere" non intendo l'actor studio ma se per esempio un mio cliente parla di politica e a me non frega un tubo comunque mi fingo un minimo interessatata. ìnsomma dare ed essere un minimo di quello che loro desiderano.

    Per quanto riguarda Noir in effetti il commento dello specchio era triste ma ho imparato a sorvolare nel web forse perchè ho altre cose serie e a cui pensare.

    Aggiungo che se questo LAVORO lo si trova ripugnante si finirà presto o tardi ad ingurgitare psicofarmaci. Mi viene in mente il libro di NELLY ARCAN: PUTAIN. ESCORT DI TORONTO SUICIDATASI A SOLI 34 ANNI.

    Se dovessi finire per pensarla come nelly arcan preferirei fare la barbona per strada.
    Non so se rendo l'idea...

    RispondiElimina
  29. "E poi non sputo nel piatto dove mangio."

    E' quello che cerco di dire da ieri ma sembra che sputarci dentro faccia sentire alcune meno prostitute.. ma alla fine anche se è un comportamento scorretto, mi sento di dire che se porta minor peso sul cuore, va bene così. Lontano da me.. ma va bene così.

    "ho imparato a sorvolare nel web forse perchè ho altre cose serie e a cui pensare."

    Solo tu hai cose serie a cui pensare? ah menomale.. io in ufficio 10 ore al giorno mi gratto!! :-D

    "Aggiungo che se questo LAVORO lo si trova ripugnante si finirà presto o tardi ad ingurgitare psicofarmaci. Mi viene in mente il libro di NELLY ARCAN: PUTAIN. ESCORT DI TORONTO SUICIDATASI A SOLI 34 ANNI. Se dovessi finire per pensarla come nelly arcan preferirei fare la barbona per strada. Non so se rendo l'idea..."

    Esatto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no sara figurati immagino che tutti abbiano i loro problemi e preoccupazioni, non solo io. Comunque per quanto mi riguarda Non voglio litigare con nessuno.Continuero a leggere te, spurito libero e altri blog anche se tutti professano la loro fede in maniera diversa. Ritengo sempre interessante vedere altri punti di vista sulla prostituzione... Mi induce a riflettere.

      Elimina
  30. Bella@ NELLY ARCAN: PUTAIN. ESCORT DI TORONTO SUICIDATASI A SOLI 34 ANNI...Mai letto, spero di trovarlo.

    "ho imparato a sorvolare nel web forse perchè ho altre cose serie e a cui pensare."

    Che sia un periodo fiacco lo ammetto, sarà quel che sarà ma non riesco a dormire bene.Comunque hai ragione.

    ** Sara **@ Ufficio! Finalmente Sappiamo! Almeno io...Scusa per gli errori, di tutti i tipi.

    RispondiElimina
  31. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.