3/20/2014

Fiducia


Un mio amico mi ha posto una questione fondamentale, la fiducia reciproca.

Nel BDSM come in qualsiasi altro rapporto la fiducia è fondamentale, di solito però si parla di quella concessa alla parte sottomessa a quella dominante, farsi legare, frustare, pungere...è solo una parte di quello che si concede ad altri, bisogna certamente averne tanta, tenendo conto  della parte psicologica che si viene a coinvolgere, pochi però pensano al rovescio della medaglia, quando si è al comando ci si deve fidare di chi si sottomette.

Partiamo con l' esempio dato dall' evento scatenante, Master M ha ordinato di farsi una scopata con una persona che sembrava interessata alla propria slave, un' incontro unico, che poi avrebbe dovuto raccontare.





Sono una coppia aperta, il principio di base è quello di non avere coinvolgimenti sentimentali, ed il modo migliore che hanno concordato è che si tratti di un incontro unico, senza ulteriori riavvicinamenti.

Eseguito l'ordine e condiviso la parte sottomessa è divenuta alquanto insistentemente nel rivedere la suddetta persona, perché poi alla fine non si è dimostrata capace di soddisfarla e sembra aver scatenato nella situazione alcune meccanismi.

Quando ci siamo visti non aveva sicuramente una bella cera, si fregava le mani e aveva lo sguardo basso di chi si sentiva molto deluso, la voce era un pigolio e vedere un uomo grande e grosso cinguettare come il pulcino Pio suscita sempre un certo scoramento anche in chi guarda, aumentato dal fatto che conosco l'affetto che Master M prova per lei.

Ho cercato di rassicurarlo, i rapporti sono anche questione di prospettiva, nel caso lo "tradisse" sarebbe lei la meschina, il loro rapporto sarebbe inutile, la sincerità assoluta è la prima cosa, se falsasse il loro rapporto non sarebbe sicuramente colpa sua e non si trova certamente di fronte alla persona che credeva di conoscere, per cui non ha perso niente.

Dopo averlo rassicurato e averlo visto sorridere, con gli occhi un poco di lato e pronto ad ordinare un crodino con prosecco mi sono tranquillizzato, continuava a parlarmi tra una nocciolina e l'altra come gli avesse fatto capire che se la parte più bella è la condivisione quella poi sarebbe mancata, finita poi la fiducia sarebbe stato per lei difficile trovare un altro Padrone come Lui...

Lo ammetto lo seguivo a tratti, buttavo l'occhio alla partita sullo schermo grande, però lo conosco bene, non è un fanfarone, è veramente un Padrone con i fiocchi, tra tanti pseudo scopatori stranisti il suo primo principio e la ricerca del piacere, anche attraverso il dolore, la cura che ci mette, l'attenzione, diciamo che è un poco vecchio stampo e sopperisce alla scarsa attrattiva capacità amatorie.

Improvvisamente si è accesa la lampadina, un poco perché volevo vederlo tranquillo, un poco perché volevo a tutti i costi seguire la partita in pace, ho esordito così:

" il fatto che abbia tanto insistito è segno che ci tiene a te, avrebbe potuto farlo senza dirti nulla, pensa quanto tiene al vostro rapporto, hai fatto il tuo dovere e lei il suo, adesso è una questione di fiducia, reciproca."

Insomma si parla poco dei sentimenti e di quanto una persona investe in tempo, fatica e fiducia per meritare una schiava, ed il contrario ovviamente, bisogna spendere per ottenere, comunque, soprattutto se l' obbiettivo è arduo da raggiungere.

Credo che il mio amico abbia fatto la scelta giusta non arrovellandosi troppo e concedendo credito alla persona, conosco discretamente entrambi, poi che ci volete fare, sotto sotto sono un uomo romantico.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ringrazio Cavezzali  di esistere e di avermi strappato qualche agrodolce sorriso. La vignetta è evidentemente sua.

4 commenti:

  1. Credo che tu gli abbia dato il consiglio giusto. Anche se io avrei spellato il sedere di Letizia, a una richiesta simile, mi rendo conto che ciò è dovuto a un tipo di autorità tutto mio, e ognuno ha il suo modo personale di gestire la propria relazione.
    Ben fatto, Cavaliere. ^_^

    RispondiElimina
  2. Da quello che ho capito ha preso la questione sul lato fisico ma comportamentale, sapere di perdere qualcosa di prezioso lega molto di più di qualsiasi sculacciata.

    Ciao Rosalie.

    RispondiElimina
  3. Il fatto è che anche quando non ci sono sentimenti in ballo, ma anche la sola icerca del piacere qualcosa succede, proprio per la fiducia che ci si concede a vicenda.

    RispondiElimina
  4. Spiego: un master investe un tempo non indifferente ad addestrare una schiava e perderla sul più bello quando inizia a fare esattamente quello che vuoi tu con i tempi di reazione corretti e l'atteggiamento che una schiava dovrebbe avere, ecco ti lascia un po' così. Spiazzato via. E allora ti chiedi come farai a ricominciare daccapo con un'altra persona. Se riuscirai ad avere intesa e fiducia... Insomma un vero casino

    RispondiElimina

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.