2/03/2017

bdsm, violenza, stalking, sentenza del tribunale

Sto per affrontare un argomento spinoso e leggibile a più angolazioni, prima devo chiarire che le mie considerazioni nascono da articoli via web e non posso per ora riportare sentenze.
Come mi è sconosciuto il grado di giudizio, onde ragion per cui le persone coinvolte hanno diritto di veder modificato quanto scrivo previo avviso attraverso posta elettronica.


Non automaticamente il BDSM è reato. Come sentenziato dalla Corte di Cassazione devono sussistere determinati presupposti, di cui la consensualità è uno degli elementi  ( Articolo sulla sent. Cass. n. 16889/15 del 23.04.15. ) che resta uno dei capisaldi anche delle pratiche kinky per un rapporto sì di eventuale "dominazione", ma non cieca sopraffazione.

Nel caso del signor Carmignotto Alessando, residente a Cadoneghe in provincia di Padova, il reato contestatogli e poi attribuitogli dal tribunale è quello di stalking, ovvero di persecutori comportamenti verso la ex compagna che lo ha denunciato.

Qui veniamo ad un primo punto, seppur senza perdere l' apparente consensualità sino alla rottura definitiva i menage amorosi estremi erano ostativi per il suo proseguo. Il che significa una carente comunicabilità tra i due o una mancata ricezione dei disagi da parte del dominante, continuata poi anche alla fine del rapporto fino a sfociare  in una sentenza.

Di qui la necessità e il bisogno che il concordare su pratiche bdsm   sia continuativo, per cui sarebbe cosa sana e giusta ad intervalli regolari confrontarsi, comunque chiedere cosa si pensa di pratiche particolarmente invasive. Consiglio che ascriverei tra le norme di sicurezza, di entrambi. Nel caso in cui ci si trovasse di fronte ad una mancata comprensione o ad un rifiuto di farlo, si assumono tutti i rischi del caso.

Secondo quanto scritto tra i due intercorreva un contratto a tutti gli effetti, redatto dalle parti. Riprova dell' inutilità, non solo legislativa perché non valido, ma pratica. Le decisioni prese inizialmente possono cambiare nel tempo, per una serie di fattori, (mancata consapevolezza, stanchezza del rapporto, o termine dei sentimenti iniziali, aspettative differenti, pratiche inaccettabili..ecc.ecc.) per questo cristallizzarsi solo inizialmente su quanto scritto è una leggerezza pericolosa.

Gli articoli che ho trovato su internet premendo sul sensazionalismo, riportando particolari che nulla hanno a che fare con lo stalking, ovviamente per attrarre lettori, generando se possibile confusione in chi legge.

Non sto giustificando le azioni svolte dal signor Carmignotto, sto semplicemente facendo chiarezza, per permettere a chi con curiosità visiona certi articoli senza avere la piena cognizione di cosa dica la giurisprudenza e con quali principi ci si muove in ambiti sadomasochistici, di avere una visione più chiara e completa.

Nel caso in cui invece non vi fosse alcun mezzo per comprendere il disagio altrui, sfociando in una rottura improvvisa ed immediata, bisogna capire come in tutte le relazioni che un passato sentimento, perquanto prossimo, non ci autorizza a vessare l' altra persona.

Nel caso specifico personalmente trovo difficile non riscontrare disagio, anche solo come risposta istintiva, quando non si è completamente rilassati, sicuri e concordi, trattandosi di pratiche con aghi nelle parti intime e scambi di coppia. Non sto demonizzando chi certe pratiche le attua, sto solo partendo dal presupposto che avendo ella addotto come motivo di rottura il fatto di non sentirsi più sicura date certe richieste, la risposta più plausibile è che la controparte abbia agito con una leggerezza imperdonabile sia per quanto riguarda il consenso che nella percezione del disagio.

Potrebbe anche essere che la stessa sia riuscita a dissimulare perfettamente, non possiamo saperlo, sto solamente riportando una mia impressione.

Arrivederci.


---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Fonte notizia: Fanpage News

2 commenti:

  1. sempre interessanti le tue pubblicazioni con argomenti anche spinosi di difficile traduzione...si entra troppo nell'intimo nel personale...!! difficile legiferare difficile giudicare...!! baci baci baci e grazie !!

    RispondiElimina
  2. Grazie Trav, fa piacere che apprezzi quanto scritto.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.