2/12/2017

prostituzione in strada o in casa




Sfatiamo un mito, non è vietata la prostituzione, è vietato lo sfruttamento.
Con le varie sentenze in Cassazione si è meglio delimitato cosa sia l' uso dell' altrui corpo e dei poteri degli enti locali nella regolamentazione.

Ora alcune cose sono cambiate dato il decreto sul decoro urbano, che aumenta i poteri dei sindaci.

Possono limitatamente nel tempo vietare alcune attività in determinate zone, riguardanti interesse pubblico, artistico, turistico.

Chi non dovesse rispettare tali decisoni riceverà una sanzione ed un allontanamento con divieto di rientrarci per un poco.


Insomma una maggior potere ai sindaci e Prefettura cordinati:

- la previsione di patti per l'attuazione della sicurezza urbana, sottoscritti da sindaci e prefetti, che individuino gli interventi in materia di prevenzione della criminalità diffusa e predatoria e della promozione del rispetto della legalità e del decoro
- l'introduzione di un modello condiviso, tra Comune e prefettura, con una funzione di co-coordinamento del sindaco, nel governo della materia
- il rafforzamento del potere di ordinanza del sindaco, non limitata più soltanto alle circostanze "contingibili e urgenti" ma anche per garantire la tutela del decoro e della quiete, come la prostituzione in strada o la somministrazione di alcolici in specifiche aree.

Parlando di decoro e non specificatamente di prostituzione mi pare ovvio che ostacolando quella stradale si implementi quella in appartamento, dove rispettando alcuni principi non è vietato l' affitto. 

Non è considerato sfruttamento quando l' affittuario chiede nel contratto di locazione un prezzo nella media di altri appartamenti della zona simili in metratura e caratteristiche, non accoglie i clienti, pubblicizza tale attività o distribuisce profilattici (Sentenza Cassazione 1773 del 16 Gennaio 2017).

Se si vuole approfondire cosa sia vietato e cosa non lo sia cliccate i link:






2 commenti:

  1. argomento complesso ma se poi tra virgolette costringi le prostitute autonome ad andare in affitto invece di essere libere a stare in strada ledi la loro libertà di scelta...insomma nascondere tutto tra quattro mura forse è nascondere la polvere sotto il tappeto...continuo a dire argomento tra i più complessi...grazie tesoro i tuoi scritti son sempre molto molto istruttivi e fanno pensare a noi stesse ed al sociale...ora vado a leggermi gli articoli di approfondimento...baci baci baci !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, diciamo una riverniciata che serve più a diminuire la percezione del fenomeno che altro.

      Elimina

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.