1/26/2016

domande e sentimenti



Sono andato a prendere un caffè con la mia prima slave, ci lega una bella amicizia anche se il rapporto di sottomissione e dominazione non esiste più da tantissimo tempo. Credo gli faccia piacere la mia compagnia ed è abbastanza vanitosa da voler constatare come procede una delle sue conquiste che l' hanno impegnata più tempo e a cui, forse, ha insegnato di più.

Adora quei locali dal gusto retro', dove il legno regna sovrano, niente luci al neon o modernariato sugli scaffali in alto vicino al soffitto, sobrio, senza fronzoli. Panche preferibilmente comode e imbottite, per lei è già importante che i proprietari non diano l'impressione di volerti veder andar via il prima possibile, dice lei, per me è amore per la comodità.

Parliamo del più e del meno, della sua passione il thé, tempi di infusione, tipologie, antiossidanti e benefici, per arrivare alla fatidica domanda, come procede la vita amorosa o di dominazione?

Procede a salti e bocconi, per ora sono fermo, gli rispondo, e mi guardo le mani. Mi fa poi una domanda che non mi sarei mai aspettato, ti sei mai pentito della tua scelta? Insomma se non avessi cercato una sessualità alternativa magari adesso sarei sposato con una brava ragazza che mi prepara il timballo la domenica.




Rispondo che non mi sono mai pentito, che non è per quello se sono ancora single, ho conosciuto diverse coppie nella vita e nel "gioco", diversi addirittura da così tanto tempo che comunicavano attraverso il Fermo Posta. La ricerca è la stessa, magari hai meno possibilità essendo comunque una nicchia ma non voglio imputare a questo quello che abbiamo fatto.

Due secondi di silenzio e sospiro portandomi alla bocca la bevanda calda in tazza binca bordata di un giallo chiaro. Non si sta rivolgendo a me, pone la domanda esternamente perché non ha il coraggio di affrontarla da sola. Mi sa che ho fatto una cazzata grossa a parlare di coppie che si sono trovate insieme nella vita, questo mi ripeto nella mente.

Cerco di recuperare: "dimmi quanti legami canonici hai visto funzionare?Letto che da quando c'è il divorzio breve tante coppie super consolidate si mollano?" Parlandone mi dà ragione, cerco di alzarle il morale, anche se ho il sospetto di non riuscirci, semplicemente si sente un poco sola, come succede a tanti e tante. Rincaro la dose:" Quanti hai visto dedicarsi a te e alla moglie o eventuale fidanzata dai...? Lo so che non sopporti che te la si faccia sotto al naso, figurati se accetteresti la mancanza di sincerità." Respirone da parte mia, forse ci sono riuscito...Forse....

Forse non ho capito nulla del suo atteggiamento, si porta una ciocca di capelli dietro l' orecchio e mi dice che quando si è giovani si è più incoscenti, poco si pensa alle conseguenze, si è più spensierati, mentre adesso riflette meglio su quello che fa, per cui avendo intrapreso una relazione con un uomo all' oscuro di questo mondo nella quasi totalità stava chiedendo pareri.

Alla faccia della solitudine, ho pensato. Un poco stanca magari di riprendere una relazione ma ancora in pista.  Battuta: "Mei coioni hai ancora l' agendina piena? Non riuscirò mai a superarti."

Sorride:" io ho classe caro"
Io:" diciamo che hai ancora culo, cara, in tutti i sensi".

In fondo basta rimettersi in gioco...


12 commenti:

  1. io da femminuccia faccio il tifo per le donne son quelle che comandano il gioco son quelle che decidono...tu credi di comandare ed invece alla fine ti spingono a scegliere quello che loro vogliono!!! ti seguo con affetto ed interesse baci baci baci e grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "faccio il tifo per le donne son quelle che comandano il gioco son quelle che decidono...tu credi di comandare ed invece alla fine ti spingono a scegliere quello che loro vogliono", per questo le frusto!!!!! ;-) Battuta ovvio, ciao cara.

      Elimina
  2. Ho visto scappare diversi uomini dalla mia vita quando li ho messi a conoscenza della mia sessualità "altra". Concordo che non sia semplice coniugare le due cose e che spesso e volentieri si sia costretti a un compromesso, che pende per forza in una sola direzione. Il difficile è proprio lo scegliere verso quale direzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ammettere che essendo un maschietto espansivo e menefreghista, ho trovato meno problemi. In fondo sono io l'incosciente e sfacciato. :-)

      Elimina
    2. Ovviamente quando parlo di compromessi, parlo di qualcosa che va al di là di una relazione leggera o della quale non ci interessa un futuro, come nel caso della tua amica.

      Elimina
    3. Certo un altro punto di vista ma in quale rapporto intimo duraturo non ci sono compromessi? Se poi non li accettano ovvio che è doloroso, fa parte di te e allontana gli altri.

      Elimina
  3. Anonimo23:13

    Io allora sono più che fortunata!!! Ho una relazione duratura e per niente frivola con il mio compagno e guarda caso è un master, a me sta bene, mi piace come mi fa sentire e come prende le sue iniziative!! Non è sempre facile dal punto di vista caratteriale ma l'amore che proviamo l'uno per l'altro è tanto che cerchiamo di superare le nostre divergenze. Lo amo e mi ama e a letto non ci manca nulla,adoro la nostra complicità!!! E posso affermare che quello che ho fatto con lui non sarei stata capace di farlo con un uomo qualunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri cara. Frivola....diciamo occasionale, poi non si può mai sapere come finisce, si parte dall' occasionalità poi se la mia amica è fortunata magari diventa duratura.

      Elimina
  4. "se non avessi cercato una sessualità alternativa magari adesso sarei sposato con una brava ragazza che mi prepara il timballo la domenica"... Il problema è che ritengo che questa sessualità diversa non si cerchi, ma semplicemente ci si ritrovi a viverla, se fa parte di te. Magari adesso saresti divorziato dalla brava ragazza di cui sopra, perché ti mancherebbe troppo vivere una parte di te che è forte e importante...
    Io sono insieme da quasi 14 anni ad un ragazzo meraviglioso, e dopo sette anni di convivenza ora ci stiamo (lo sto) lasciando perché anche se ci ha provato, questo mondo non fa per lui. E siccome per me vuol dire soffocare parte di me che invece ha bisogno di esserci per la mia salute mentale, non riesco più a starci insieme... Concordo con Brina, il difficile è scegliere verso quale direzione...

    RispondiElimina
  5. Mi spiace. Dopo tanto tempo deve essere veramente dura. Ricordo ancora quando mi hai permesso di pubblicare la tua prima esperienza, ci hai provato, sei stata onestà come pochi sarebbero. Ti auguro ogni bene. Tra parentesi quel periodo non è stato facile, però sia per me che per questo blog è stato uno dei periodi più belli. Intensi direi.

    RispondiElimina
  6. È dura, anche più di quanto pensassi io... Però quella che ho al momento non è vita, non sono felice. Spero che un domani le cose vadano meglio...
    Non sempre bellezza e intensità sono semplici da affrontare, ma a volte li apprezziamo di più proprio per questo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L' umanità moderna è nata quando ha sancito che la ricerca della felicità è un diritto.
      Buona ricerca e baci.

      Elimina

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.