11/26/2012

sesso e diversamente abili

DSCF3789

Un film particolare mi permette di parlare di un tema particolare, l’amore diverso, l’amore diversamente abile.

Il sesso diversamente recepito nel nostro Paese è ancora tabù, come tante altre cose d’ altronde che lo riguardi, si tende a vederlo in questo ambito come non ascrivibile ai desideri legittimi perché i soggetti in questione sono trattati il più delle volte come angelicati esseri senza sesso, ma veniamo al film.

In Italia vedremo The session a Febbraio dopo la calorosa accoglienza al Sundance Film Festival che lo porterà direttamente  al Festival di Torino in anteprima.

la pellicola verte su una storia vera, un disabile dalle indubbie capacità artistiche, Mark O’Brien, poeta, esprime il suo desiderio di provare il sesso al proprio amico e confidente spirituale che è anche un sacerdote.

Comprese le necessità dell’amico è lo stesso uomo di chiesa che lo aiuta a trovare una professionista del sesso che lo inizi con delicatezza.

In una nazione come la nostra, catto-centrica, dove il sesso è visto come tabù e ai soli fini riproduttivi figurarsi se sollevare un tale problema non sarà scevro da polemiche e barricate bacchettone.

Eppure in molti paesi nordeuropei si è cercato di porre rimedio ad una condizione che è riconosciuta come diritto alla salute e alla persona da parte di associazioni come la SAR, che opera nei Paesi Bassi (Associazione per Relazioni Alternative), il SENIS in Germania e altre simili attive nei paesi scandinavi, che offrono, per i disabili dei due sessi, compresi gli omosessuali, prestazioni sessuali e/o di “tenerezza”, dietro remunerazione, da parte di assistenti formati appositamente, che si recano al domicilio o negli Istituti.”

Non si tratta di prostituzione da strada ma di professionisti e professioniste che si prendono cura del lato anche psicologico oltre che fisico delle persone che hanno bisogno di esprimere la loro sessualità.

Il presidente Augusto Pistilli  della Federsex, associazione in difesa  dei club per adulti in Europa chiese tempo addietro di vedere l’allora fiorente mercato italiano come luogo per poter formare le persone e renderle disponibili nell’ambito di una locazione protetta già adibita all’incontro, ovviamente rimase inascoltato.

Ovviamente allo stato attuale dato che i disabili vengono trattati come una spesa inutile, dove i malati di sla non riescono ad ottenere un aiuto minimo da parte delle istituzioni, dove i fondi per la normalizzazione delle condizioni e delle barriere architettoniche mancano, non c’è bisogno dell’aiuto della Chiesa per tacere di certi bisogni, mentre si trovavo testimonianze di madri che si rivolgono personalmente ad Escort se hanno la possibilità economica per aiutare i propri figli.

Lo Stato non è un contabile, non basta pareggiare un bilancio per dire che siamo più civili.

16 commenti:

  1. Ho frequentato un ragazzo senza un arto anni fa (bello come il sole!) quindi conoscevo alcuni aspetti dei diversamente abili. Da prostituta é stato più facile quindi capire che questa diversità spesso é solo d'impatto. Ho conosciuto tre persone con seri problemi fisici quando esercitavo. Quello che mi ricordo meglio era un ragazzo sulla sedia a rotelle che aveva le gambe paralizzate ma non fino in cima. Sulla tenerezza però esprimo dei dubbi. Non é un sentimento che si può distribuire a comando. Il sesso é una cosa, la tenerezza un'altra. Certo.. può esserci, ma non dipende dalla formazione e dalla remunerazione. Almeno secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per tenerezza credo si intenda un approccio graduale che comprenda anche coccole e contatto fisico prolungato e graduale, non solo sesso, ma espresso fisicamente nella maniera più completa possibile.

      Elimina
    2. Anonimo12:45

      Credo però che il compito principale di una prostituta non sia solo quello di offrire prestazioni sessuali in cambio di denaro, ma di far sentire il più possibile l'uomo a proprio agio. In oriente c'è tutto uno studio sulla prostituzione e su come le donne, se vogliono fare questo mestiere, debbono imparare socialmente a trattare il cliente: la considerano una vera e propria arte. Tornando al discorso iniziale, è vero le coccole non sono previste nel "contratto" ma secondo me la differenza tra una brava prostituta e non è proprio questa: esistono prostitute dolci e altre fredde come ghiaccioli. Lo so che è un rapporto a pagamento ma ribadisco la differenza la fa la dolcezza; e questa purtroppo è una qualità che difficilmente si incontra in quest'ambiente. Io preferisco di gran lunga andare con una ragazza dolce e meno bella che con una pezzo di fregna fredda e che pensa solo ai soldi e non al piacere (e per piacere non intendo solo quello fisico ma nel senso più ampio del termine) del cliente. Sono altresì convinto che una prostituta che non abbia la qualità di far sentire il proprio cliente "speciale" dovrebbe fare altro nella vita. Per il post condivido in toto con il cavaliere.

      Rambaldo Melandri architetto

      Elimina
  2. In merito a ciò che hai scritto, qualche giorno fa, m'è capitato di leggere la storia di una schiava affetta da handicap fisici e/o motori di varia natura (almeno così veniva descritto). Presupponendo come vera la sua storia, è qualcosa che m'ha dato molto da riflettere.

    Lei descriveva il suo Padrone come l'unico uomo in grado di averla fatta sentire non tanto e solo una schiava, ma una donna ed un essere umano completamente normale.. Un'enormità..dato ciò che ben si conosce dei comportamenti assolutamente 'anti-sociali' della nostra società, nella cui definizione includo: gente comune, stato e chiesa.

    Qualora un uomo del genere esistesse, vorrebbe dire semplicemente che è un essere umano talmente ricco, luminoso, evoluto da 'amare' l'umanità proprio attraverso le sue 'imperfezioni'.

    In genere, quando hai 'problemi' di questo tipo, la gente ti emargina perchè non è in grado di gestire la tua diversità e ti tocca subire l'ignoranza, il male peggiore...Il minimo che ti possa accadere è quello di essere ritenuto un povero deficiente, incapace d'esprimere un pensiero o una volontà compiutamente coerente ed intelligente e vedere il tuo diritto ad essere un essere senziente vilipeso in modi che nemmeno immaginavi dolorosamente possibili..

    Per ciò che concerne, dunque, la 'tenerezza' alla quale hai fatto riferimento, ben vengano iniziative che abbiano il doppio beneficio di levar la benda dell'ottusità e permettere a chiunque di viversi appieno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cit:"In genere, quando hai 'problemi' di questo tipo, la gente ti emargina perchè non è in grado di gestire la tua diversità e ti tocca subire l'ignoranza, il male peggiore...Il minimo che ti possa accadere è quello di essere ritenuto un povero deficiente, incapace d'esprimere un pensiero o una volontà compiutamente coerente ed intelligente e vedere il tuo diritto ad essere un essere senziente vilipeso in modi che nemmeno immaginavi dolorosamente possibili.." Fortunatamente non è sempre così, può succedere ci mancherebbe ma le persone che sanno guardare oltre sono diverse, bisogna essere fortunati e cercarle un poco.

      Ricordo di aver conosciuto invece un Master in carrozzina, adorato dalla sua compagna e slave, molto felici di essere coppia, lei era stata inizialmente attratta dalla forza che esprimeva la sua fragilità.

      Comunque pur se rari esistono i DEVOTEE, una forma di feticismo verso il corpo disabile, solo che poco si sa e se ne parla; anche in questo caso la connotazione di piacevole e di gusto verso il diverso cambia, prima o poi ne parlerò.

      Elimina
  3. Anonimo18:12

    Fammi indovinare.. il film e' "Quasi amici ? "

    Bellissimo... Fatti vivo. Ciao

    Noir

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non propio quello il film ma anche lì si parla di diversità e sesso, ^_^
      ci sentiremo presto.

      Elimina
  4. Anonimo14:42

    Pensate che addirittura esistono anche siti di incontri per disabili, tipo questo: http://www.incontriperdisabili.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la segnalazione Anonimo.

      Elimina
  5. Ma cosa é un account google???? Ci ho messo un giorno per capire come crearlo...... La vita facile no?
    Argomento di cui posso parlare cn cognizione di causa. Mia mamma aveva una patologia altamente invalidante per cui ho trascorso dai 16 ai 22 anni, un mese in estate presso un centro riabilitativo. A parte essere state tra le mie vacanza più belle, un esperienza importante e un ricordo di splendide persone conosciute, ho anche avuto un fidanzato conosciuto al centro. Esperienza personale non é ne più ne meno che un rapporto sessuale con un normo Diodato, a meno che ovviamente la disabilità nn infici la capacità sessuale. Poi il mondo é vero emargina, ha paura, non conosce giudica forse io sono stata avvantaggiata dall'esperienza personale. Sui devote io ho la mia personale opinione, non ne scriverei mai ma il blog é il tuo è tu sei il Capo :-)) stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania forse non ti sei accorta che potevi seguirmi o rispondermi anche senza account ma hai dimostrato impegno nel volermi rispondere e non posso che ringraziarti e considerarlo uno dei migliori complimenti per il blog.
      La tua testimonianza e bellissima, l'esperienza personale in certi casi avvantaggia, fortunatamente la mentalità è cambiata un poco, speriamo continui su questa strada.
      I devote sono trattati in maniera clinica perché la psichiatria essendo una branca della medicina la tratta come una malattia, è questo il primo approccio e la prima scoperta, come nel bdsm c'è voluto tempo per far emergere in certi ambienti che non è necessariamente malattia, che esistono le persone malate certamente, non dimentichiamolo, ma non sono tutti così.

      Elimina
  6. Non serve? È perché il mio i pad continua a chiedere lo insistentemente ?? Come faccio a farlo senza account o?? L a tecnologia mi é avversa. Comprendo il tuo punto di vista ma il pensiero della possibilità che qualcuno si approfitti di una situazione. Down di un'altra persona mi smuove dei fastidi intestinali che poi fatico a vedere che c'é anche dell'altro. Solidale nel tuo momento di sconforto, essere l'altro non deve essere facile.
    Ti ho già detto che mi piace come scrivi, quindi forse si lo puoi prendere come un complimento il mio impegno o forse ho solo tanto tempo da perdere. In certi momenti mi ricordi un amico molto caro.... Anche lui si definirebbe magnifico :-)))) stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AaaaaaaaaaaHHHHHHHH l' ipad per me è mostro a tre teste che non tocco, ovvero su di un semplice portate della asus( per dire una marca a caso) non ci sarebbe bisogno di registrarsi ma di lasciare il commento in anonimo.

      Per quanto riguarda i devote, tralasciamo un attimo il patologico, se qualcuno dovesse trovare attraente un difetto, anche vistoso ed invalidante, perché dovrebbe per forza essere considerato un approfittarsi?

      Sto parlando dell'amore in generale e sto esulando dal lato bdsm.

      Credo invece che la persona che si trovi amata per quello che la maggioranza trova brutto o sbagliato sia molto bello, sempre tenendo fuori le situazioni patologiche.

      Credo che il tuo disgusto nasca legittimamente dal vedere la disabilità come qualcosa che rende fragili, necessariamente, credo che invece bisognerebbe abituarsi all'idea che una persona in carrozzina, senza un arto, non vedente, abbia bisogno di aiuti particolari ma non per questo necessariamente sia fragile di fronte ai rapporti umani.

      :-))) Tutti hanno bisogno di amici che si definiscono magnifici, ci difetta la modestia che ci vuoi fare.

      Elimina
  7. A volte penso di parlare una lingua tutta mia, il mio "disgusto" se così lo vogliamo chiamare non é per. La disabilità altrui vedi mio post precedente ma nei confronti di chi si approfitta di uno stato psicologico di carenza o sofferenza e di persone così c'é ne sono tante (anche non necessariamente amanti di diversamente abili). Per il resto sono d'accordo con te , vedere un pregio la dove c'è un difetto non é una patologia a volte é solo non essere miopi.

    Rispetto agli amici magnifici..... Dubito che tu possa essere modesto, tanto quanto non lo é il mio amico... Direi piuttosto istrionici ma il mondo é bello perché vario.
    È comunque devo avere scassinato io con il computer perché non mi compare più l'opzione anonimo bohhhhhh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ho male interpretato la parola disgusto.

      Per il resto sono concorde con te, date le specificazioni.

      Sulla mia immodestia troverai commenti sparsi in ogni dove ma sono tutti veri ^_^

      Elimina

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.