5/02/2013

Fate vedere il profilattico













Usiamo il preservativo, usiamolo bene, usiamolo spesso, usiamolo perché non se ne parla ma non serve solo per proteggersi dal virus HIV, ma anche da altre malattie sessualmente trasmissibili, che seppur non fossero mortali perché lasciarle proliferare senza un minimo di accortezza? Perché rinunciare ad un anticoncezionale efficace?


Solo che si sa non tutti vedono di buon occhio o per meglio dire di buon orecchio, certi discorsi, per il semplice fatto che l'ignoranza avvantaggia chi si oppone a certi strumenti, la conoscenza è un pericolo se si diffonde qualcosa che si ritiene contrastante con i propri dogmi.

In questo caso parliamo del gesto di uno dei componenti dei Management Dolore Post Operatorio durante il concertone del 1° Maggio, che con un profilattico eretto sopra la testa ha salmodiato:

"Questo è il modello che uso io, che toglie le malattie dal mondo, prendetene e usatene tutti, fate questo, sentite a me", ha scandito, poi si è tolto il cappuccio scoprendo la testa con la chierica rasata a zero come i francescani. 

Alcuni contestano i toni usati, altri l'argomento, pochi si sono soffermati sulla duplice valenza del messaggio, unendo il condom ad un gesto d'ispirazione religiosa si è unito il sacro al corpo, che va protetto, il nostro corpo è il nostro tempio, ricettacolo di divinità che va curato. 

Non lo trovo irrispettoso visto da questo punto di vista, anzi, solo mi rimane il dubbio di come mai ancora oggi la fecondazione sia ancora un punto focale per la religione cristiana, si è eliminato il purgatorio ma non la sacralità dell'imene e della donna incubatrice di prole( che dovrebbe essere secondo alcuni la finalità più pressante). 


Nessun commento:

Posta un commento

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.