11/05/2014

REIR PARA NO LLORAR




Reir para no llorar, ridere per non piangere.

sberleffo alla vita, alla malasorte, alla disgrazia ed alla fortuna, perché si può anche piangere per la felicità ma non considerare opportune le lacrime, l'eventuale platea si attende che si gioisca dell' insperata fortuna, per non creare smarrimento.

Una condizione di confusione, voluta, per mischiare le carte a quello che ci sta accadendo.

Questo è il mio status attuale.

Mi sono incontrato con Stregatta, quella che è stata la mia slave per oltre due anni. La donna che ho amato e difeso, protetto, per sua stessa ammissione collocata sempre prima a salvaguardia del suo bene, anteponendolo al mio.

Vederla arrivare e sorridermi, abbracciarmi, mentre dentro covavano ancora le ceneri del risentimento per il male fatto, ricevuto e non meritato. Bellissima nel suo vestitino mentre trotterella per abbracciarmi e dimostrarmi che: "mi vuole tanto tanto bene".

Resto glaciale, scostante, cerco anche di ferirla, sottilmente, una lieve ferita dell' anima.

Fino a che non vedo scendere una lacrima, una sola, ma grande come una diga che prorompe, veloce come un treno che deraglia. Possiamo essere amici, abbracciamoci fraternamente questa notte...

Avrei voluto dirglielo io, avrei voluto ferirla io, avrei voluto rifiutarla io.

Come spesso succede mi spiazza, ho fatto 250 km per venir rifiutato, accantonato come un ex con cui si va alla festa di compleanno con l'attuale compagno, niente di più e niente di meno.

Se non fosse per quella lacrima, che mi guida dentro. La serata finirebbe diversamente, mi ricorda che lei è fragile, che lei è la mia A. a cui ho voluto tanto bene.
 Nella sua ciclotimia e nei suoi sbalzi umorali riesce ad offrirmi nel suo periodo di "distaccamento" dalle persone che la circondano tanto amore e tanto affetto. Quel particolare posto nascosto tra l'aorta e l'intenzione* è solo mio.

Mi mostra una delle parti più intime di una persona, la solitudine. 

Ceniamo, amabilmente, si chiacchiera, ci meravigliamo della cortesia imperante, sorrido e sorrido, fino a che non mi chiedi nuda se sei bella, nel tuo meraviglioso splendore e mi guardi con dispiacere quando mi chiedi se ti credo...

Ti ho sempre creduta, mi hai sempre detto anche le cose più scomode, perché in fondo sapevi che del poco che potevi offrirmi non poteva mancare la sincerità.

Avrei voluto risponderti più esaustivamente quando mi hai detto che sono una delle persone più importanti della tua vita invece di dirti un semplice "lo so", avrei voglia di dirti che mi sono accorto che mi mancavi tantissimo quando te ne sei andata.

Sorrido quando ti penso, ho perdonato i tuoi errori, sei una bella persona, vorrei esserci ancora nella tua vita, vorrei sorriderti ancora. La mia porta è sempre aperta, come il mio abbraccio, sei entrata nella mia esistenza e non voglio vederti uscire per sempre.

Sei parte di me.

Leggendo queste righe esternamente si potrebbe pensare che mi stia illudendo, che ho commesso degli errori, però sai brujita sei l'errore più bello che abbia mai fatto.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

* CITAZIONE DA UN TESTO DI DE ANDRE'

Se dovete pernottare nei dintorni di Forlì vi consiglio il B & B Fiordinano a Meldola, sono disponibilissimi, molto elastici per quanto riguarda gli orari di uscita ed entrata, ed offrono una discreta colazione. Il tutto a prezzi veramente concorrenziali, e se ve lo dice un marchigiano credeteci...

Mi scuso conle lettrici che mi hanno contattato nell' ultimo periodo per la mia scostanza e poca disponibilità, quando si ricevono grosse ferite non si è subito pronti a gettarsi nella mischia. 

8 commenti:

  1. mi spiace leggere tutto questo... purtroppo non c'è mai stata l'occasione di conoscersi di persona, ma le parole di questo blog, leggere di voi, sbirciare nel "buco della serratura" della parte di vita che avete condiviso qui, tutto questo è stata la mia prima finestra su questo mondo..
    è stato anche leggendovi che ho trovato il coraggio di raccontare al mio compagno questa parte di me (all'epoca senza risultati di sorta :))), è stato tra le pagine di questo blog che ho raccontato la mia prima sessione, è stato qui che ho trovato parole di incoraggiamento, più o meno intenzionali, non importa, da parte di entrambi...
    quindi, anche se appunto non ho avuto il piacere di conoscervi, mi siete stati più d'aiuto di quanto immaginate, probabilmente.. e mi spiace leggere che le cose siano andate male, anche se sappiamo che la vita non è sempre come la vorremmo...
    un abbraccio a entrambi, buona vita <3

    luna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GrAzie. Nella mia stanchezza posso dirti che le tue parole mi fanno piacere e mi strappano un sorriso.

      Elimina
  2. Ciao Cavalier, il commento di Sakura no hana ha fatto sorridere anche me! perchè mi ci ritrovo molto in quello che ha scritto. C'è poco da aggiungere, spero che entrambi possiate trovare la serenità che meritate! un abbraccio :-*

    Slove

    RispondiElimina
  3. Lo spero anche io grazie slove. Non ci siamo mai incontrati ma i vostri commenti seppur in minima parte hanno offerto un motivo di discussione. Ringrazio in primis le donne che nel corso del tempo mi hanno supportato in momenti difficili.

    RispondiElimina
  4. Anonimo00:12

    Questo è l'unico blob che io seguo.
    Cavalier io mi ritrovo a vivere una situazione analoga,vivo ogni nostro incontro con un' intensità sempre maggiore ma sapere che un giorno tutto questo finirà mi distrugge emotivamente e mi scatta un meccanismo di difesa micidiale che agli occhi degli altri potrebbe risultere come una totale indifferenza,anche io sorrido per non piangere ma dentro grido con una disperata, di natura sono una persona molto vendicativo, non faccio colpi di testa ma se posso far notare cosa o chi hai perso lo faccio con una sottigliezza micidiale..
    La verità è che non vorrei mai stare come lei ora,la ammiro Cavalier.
    Saluti Mg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivere che questo è l' unico blog che segui ovviamente è un attestato di stima, di cui ti ringrazio.

      Ci vuole molta forza di volontà per non esplodere o diventare violenti, che è solo una scorciatoia inaccettabile e vigliacca, che sia fisica o psicologica. Neppure io pensavo di possedere un tale autocontrollo.
      Ti capisco e ti abbraccio.

      Elimina
  5. Mi unisco e concordo.E ti/vi abbraccio.*K

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ormai è passato del tempo, però è sempre una cara persona che ogni tanto, anche solo per via telematica, sento con piacere.

      Elimina

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.