7/06/2015

gang bang



Come detto già nei due precedenti post tornerò alla gestione del blog come lo avete sempre letto, se lo avete fatto, a Settembre, per ora sto accumulando articoli programmati nel tempo su libri che ho trovato interessanti e che oltre allo svago offrono spunti interessanti su argomenti trattati nel blog.

Chuck Palhaniuk è uno scrittore Pulp, anzi il più grande esponente moderno di questo genere letterario. Per cui ogni suo libro è esageratamente violento e dissacrante da potersi definire fuori dalle righe, quasi carnevalesco nella sua virulenza.


Prendete una pornodiva ormai alle ultime battute, desiderosa sia di rimanere eternamente sulla cresta dell' onda e contemporaneamente offrire al figlio in adozione, mai visto, la possibilità di avere una vita agiata.

 Cassie Wright decide di battere il record di Gang Bang,ovvero film dove uomini si susseguono facendo sesso con lei senza interruzione. Decide di arrivare all' incredibile numero di 600 scopate.

In questa cornucopia di cazzi, liquidi corporei e amplessi si muovono le vite del figlio di Cassie, la sua assistente factotum e un vecchio pornodivo male in arnese che ha puntellato la sua carriera con le pellicole fatte con la protagonista.

Nei libri di Palhaniuk la critica sociale non manca mai, anche se qui è più sfumata per offrire uno spaccato del mondo del porno, è uno scrittore altalenante, alcune opere, come Fight Club, sono godibilissime, altre sono effettivamente illeggibili. Gang Bang rientra nella prima categoria.

2 commenti:

  1. Bel libro, noi ce lo siamo gustato rubandolo dalla biblioteca di un'amica. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok se mai doveste venire a casa mia se manca De Falcones vi guardo torvo. :-)

      Hahaha

      Elimina

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.