10/18/2013

Michelle Bonev e la verità su Berlusconi



La fidanzatina di Berlusconi, la Pascale, non può avere un rapporto affettivo con il premier perché lesbica, grande scoperta di Santoro e del programma Servizio Pubblico.

A parte la notiziona che una ragazza di neppure trent'anni si intrattenga con chi potrebbe essere suo nonno per denaro, vil denaro, non sorprende, al di là dei gusti sessuali, per una volta pur non trovando per nulla simpatico e affidabile l'ex Premier, che bene avrebbe fatto ad preoccuparsi di andare in pensione per il bene dell' Italia da molto tempo, scontare la sua pena per intero in galera e lasciar perdere la politica, mi viene da dire un enorme...MBE?

Che abbia avuto frequentazioni poco trasparenti si sapeva, Mangano e dell'Utri in testa, che le ragazze che partecipavano ai festini lo tenessero per i sacri pendagli lo dimostra che continuasse a fornire emolumenti anche durante il processo, portando ad altri guai giudiziari, non sorprende, che sia un deliquente che ha evaso le tasse adesso lo dimostra una sentenza definitiva, mi domando ha cosa serva mantenere in piedi la "sacra salma" berlusconiana sbriciolata come il secondo tempio di Gerusalemme dopo che il PD ha sapientemente provveduto a rimettere in piedi dopo il crollo di consensi ai tempi di Veltroni.

Non sto facendo una constatazione meramente politica, ma l'ennesimo tentativo di sputtanare lo sputtanabile serve a dimostrare come nelle questioni di sesso le catalogazioni facciano gioco forza, proprio come la classe sociale, il cui scandalo in questo caso non serve a mettere in luce un certo aspetto ma a mantenere in vita.

La Pascale è lesbica, per cui non va a letto con uomini, a parte che ci sono donne che pur prediligendo il sesso femminile non disdegnano la compagnia maschile, togliendo un attimo l'ingombrante figura di Berlusconi, ma anche fosse che tra due soggetti non ci sia la necessità di avere rapporti canonici, penetrativi e di sesso tradizionale, non hanno il diritto di chiamarsi "coppia"? Anche "famiglia" se volessero? Tutto si deve come sempre restringere ad una questione fallocentrica? Non c'è il cazzo, poi c'è il cazzo, forse è presente una punta di cazzo...Questo fa l'unione tra due soggetti?





Allora in questo Paese che senso avrebbe battersi per le coppie di fatto se anche uno dei maggiori esponenti nella vita pubblica di una parte politica che appoggia, in parte, questa realtà viene meno?

Rileggete due tre volte la frase e si capisce come mai sia impossibile che accada in tempi brevi.

Chi è Michelle Bonev ho avuto modo di parlarne a suo tempo, una donna evidentemente capace di farsi strada, che ancora sogna di entrare a pieno titolo nel Panteon dei grandi del cinema, con scarse capacità e mezzi oltre la sua portata a parer mio, però non di certo un vernacolo della verità, di cui come detto non sentivo necessità.

Ecco cosa succede ad avere una società civile senza idee forti ed ideali, la politica non è solo spreed ed economia, come cercano di farci credere per lavarsene le mani, sono progetti futuri, visioni d'insieme, invece ancora una volta ci distraggono con le questioni di un ultrasettantenne e di quello che gli frulla nelle mutande.

Auguri a tutti, ne abbiamo bisogno.


Considerazione di Mughini sulla Bonev e le sue influenti amicizie.
____________________________________________________________________________

Articolo sul programma Servizio Pubblico e la Boniev

8 commenti:

  1. Pensavo la stessa cosa ascoltando il tg stamattina a colazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il -tg a colazione, cara GattaBianca questa è una forma di masochismo troppo spinta per me. ^_^

      Elimina
  2. Il problema è dare spazio a chi in realtà sta cercando di estorcere denaro, oppure non riuscendoci più decide di "sputtanare". Ad ogni modo in questo paese battersi pe rle coppie di fatto rimane un "esercizio di stile" più che qualcosa di concreto ficnhè si "dipenderà" dal vaticano e da tutto il bogittismo che ne consegue.

    Non mi nascondo, io per primo non parlo di certi arogmenti con chi conosco nella vita di tutti i giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A mio avviso sulla realtà istituzionale e regolamentare la Chiesa ha ancora forte l'interesse e il potere, è nella società che inizia a perdere colpi, stiamo cambiando, la Sacra Romana Chiesa se non vuole ricevere il contraccolpo che prima o poi arriverà deve cambiare, non basterà il marketing di Francesco I

      Elimina
  3. Anonimo18:51

    Secondo me ci vuole un miracolo... ma è impossibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miracoli li compiono i Santi, noi ci stiamo lavorando.

      Elimina
  4. Anonimo11:29

    Direi che, lesbica o no, l'attrazione per il fidanzato sarebbe comunque molto molto strana se non si include la ricca tasca che ha (in denaro e potere). Purtroppo devo anche aggiungere che, perfino nei casi in cui si vaglia una denuncia per violenza, l'avvenuta o no penetrazione ha ancor oggi molto peso. Ebbene si, siamo ancora molto fallocentrici. (Bè, uscendo dal sociale e pur essendo bsx, direi che ci sono poi molte cose peggiori da mettere al centro ;D) Ily

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver ricordato il particolare non trascurabile della penetrazione durante la denuncia, effettivamente non ci avevo pensato. (la lingua... :D )

      Elimina

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.