11/18/2015

sondaggio: i giovani sottovalutano la violenza alle donne




Come detto nel post precedente sull' alienazione parentale sono contrario ad ogni forma di sessismo e di violenza, la prevaricazione è da combattere ovunque.

Proprio su questa scia la sottrazione di fondi, dai 16.1 ai 14.4 milioni  dal 2013, sulla prevenzione e contrasto della violenza di genere è un errore, non possono essere sostituiti dai tg ed i blog.



Gli effetti si vedono anche da un sondaggio formulato da Ipsos e WeWorld , in un bacino d' intervista dai diciottenni ai trentenni :
  • Uno su cinque ridimensiona le violenze dichiarando, quel che accade in una coppia, non deve interessare gli altri. 
  •  Uno su quattro giustifica con il sentimento, si tratta di raptus momentanei, dovuti a troppo amore.
  • Uno su tre pensando alle conseguenze delle proprie azioni violente considerano che tali episodi devono essere risolti tra le mura di casa, evitando denunce e problemi giudiziari. 

Emergono dati contrastanti, se da una parte cresce l' attenzione, secondo me veicolata dalla copertura mediatica, dall' altra  aumenta la sottovalutazione della violenza, per il 19% dei giovani, contro la media nazionale del 13%, un uomo tradito è giustificabile se diventa violento; anche se dovuta "agli atteggiamenti esasperanti delle donne" per il 16% a dispetto della media dell'11%.

Il dato generale offre uno spaccato interessante,  il campione è considerato in tre diverse classi: il 35% preferisce relegare la violenza di genere a episodi domestici, dimenticando che il luogo di lavoro è oggetto di sopraffazione come attenzioni sessuali di vario livello non richieste, il mobbing, l' esclusione da alcuni posti di lavoro se si esprime la necessità di essere madre, la differenza salariale per genere.

Analizzando grossolanamente i servizi d' informazione maistream che riportano eventi come quelli della 23enne è stata uccisa per 'gelosia'  lasciano poco spazio ad altre problematiche, che si credono a volte superate, come quella delle molestie fisiche o per quanto odiose socialmente più comprese come l' esclusione delle donne che vogliono affrontare la maternità.

Continuo a ritenere l' educazione sentimentale e sessuale un buon viatico di conoscenza.


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 La vignetta è di PV





Nessun commento:

Posta un commento

Siete pregati di non scadere mai nel turpiloquio, andare contro le leggi vigenti in Italia e usare questa mail per eventuali contatti: silvestrogatto@live.com

Nella versione WEB sono presenti altre possibilità di contattarmi.
Ricordate che state sempre parlando con esseri umani, anche se dietro la tastiera.